post

“Lo pulentò co li furbi e l’abbiti” è un piatto tipico della cucina marinara civitanovese. Nel nostro ristorante sta diventando a tutti gli effetti una specialità, ci viene infatti richiesto regolarmente non solo dai clienti locali ma soprattutto da chi viene da lontano. Visto il grandissimo successo abbiamo di recente inserito un assaggio di questa ricetta anche nella nostra degustazione di antipasti proponendo anche qualche variante rivisitata dallo chef Roberto.

Condividiamo con i clienti la poesia molto divertente in dialetto civitanovese e a seguire la ricetta classica.

Prima de còce lo furbo, fallo frollà
sbàttelo murduè, se deve ‘ndenerì
se lo vóli fa vè, te ce devi ‘ncazzà,
vuttà lo fume, nera, comme lo camì.

Allora penza a chi te fa commàtte
a chi te fa patì e pijà le pasció
da le pene non te fa durmì la notte
a chi più je ne dai e sembre più ne vò.

‘Cchiappa lo furbo fra la testa e zambe, a metà,
pija la sfiónga, arzènne lo vraccio a ungì,
eppó ngó tutta la forza che c’hai su le mà,
sbàttelo ghjó sopre lo marmo de lo taolì.

Ghjó, pé lo patró de casa che se sa,
‘gni dù mesi vurrìa aumendà l’affitto,
ghjó, pé lo capoccia che vole comannà,
se condendesse ‘na ò, non se sta mai zitto.

Ghjó, pé ‘sti quattro sòrdi che non vasta mai,
ghjó , pé li sacrifici a tirà avandi,
ghjó , pé li problemi, ghjó, pé tutti li guai,
ghjó ,…pòro furbo a scondalle pé tutti quandi.

‘Mmó che ti si data ‘sta vèlla sfogata
lo furbo comme lo vurro adè duendato
lo spélli, ngo’ l’acqua salata je dai ‘na ‘rlaàta
spezzelo, e dè prondo pé esse cucinato.

Fa sfrìe có l’ojo vono ‘na cipolletta
appena séndi che dóra e dè dorata
ce metti l’ajo tritato ngó l’erbetta
có la cucchiara de legno daje ‘na mmischiata.

Métte li pézzi de furbo a rosolà
cunnìsce de sale, lo pepe fàjelo sendì
un vecchié de vì viango, facce svaporà
l’abbìti vutta ghjó fino a cuprì.

Quanno s’ha r’tirato l’acqua de le fóje
la pórba de pummidoro vutta ghjó
piano piano per un’ora lo fai vóje
‘ppó quattro patate a tócchi ce le vò.

Lo tembo che se còce le patate
adè vella che completata la cottura
có lo pulendó, a fette grosse tajàte
statte tranguilla ce fai vella figura.

Luigi Bruno

Preparazione

Per la polenta: portare l’acqua ad ebollizione e salare. Versare lentamente la farina di mais a pioggia e mescolare con una frusta per evitare che si formino grumi. Lasciare cuocere fino a quando la polenta avrà una consistenza solida e versarla su un tagliere di legno. Tagliare il composto con lo spago come vuole la tradizione.

Per il sugo: battere i “furbi” per rendere la carne più morbida e lavarli abbondantemente per togliere i residui di sabbia. Rimuovere le interiora, gli occhi e la pelle e asciugarli. In una pentola soffriggere olio, cipolla, prezzemolo e aglio. Unire i furbi tagliati a pezzettoni, sale, peperoncino e sfumare con un po’ di vino bianco. Aggiungere i pomodori a pezzi. A metà cottura, unire le bietole pulite, le patate e aggiustare di sale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *